SEO: 12 + 1 regole seo di base per ottimizzare un articolo

Una breve premessa prima di vedere le regole seo per il copywriting Regole SEO per un buon copywriting … Dopo qualche anno mi son deciso a riprendere in mano questo argomento e a svilupparne i concetti. Due anni in cui ho sperimentato qualche risultato e accumulato più esperienza e casi. Quindi, senza stravolgere i contenuti della precedente stesura della mia collega, andiamo a chiarire alcuni concetti ed ad ampliarli. Se vuoi cimentarti nella scrittura per il web devi essere consapevole che l’ingrediente imprescindibile per guadagnarti una certa considerazione dai motori di ricerca – uno su tutti Google – ed ottenere un buon posizionamento organico nelle SERP è quello di ottimizzare il testo secondo alcune regole auree della SEO.  Mi preme chiarire che seguire queste regole non è garanzia di posizionamento di una pagina od un articolo su determinate serp in prima pagina!! Tanti fattori influiscono sul posizionamento:  l’ottimizzazione del codice e del server i fattori sociali i link la storia e il trust e altro ancora..  In conclusione seguire le seguenti regole seo per il testo è importante?? Si è condizione necessaria, ma non sufficiente perché l’evento desiderato (il posizionamento della pagina) si verifichi. Google in fondo è solo un algoritmo che analizza un testo e decide in relazione a quello che scrivi e come lo scrivi su che parole posizionarti.. Naturalmente anche la SEO si sta evolvendo, così come qualsiasi altra branca del meraviglioso mondo del web (e non solo…), ma comunque, ad oggi, possiamo definire dei punti relativamente fermi. Fatte queste dovute premesse andiamo a vedere come farci capire da Google .. oltre che dagli umani..

Contest SEO come strumento di formazione

I contest SEO sono uno strumento eccezionale per la formazione e l’applicazione pratica delle competenze acquisite durante un corso. Permettono di applicare tutte le nozioni teoriche apprese in FAD o nelle lezioni frontali e interiorizzarle. Da qualche mese sto frequentando un corso di formazione SEO che, oltre a fornire interessanti contenuti teorici tramite lezioni in FAD e webinar, utilizza questa tecnica al fine di mettere in pratica i concetti studiati. La metodologia del Contest SEO In cosa consiste il contest seo: Il compito è quello di realizzare un sito internet che promuova delle attività non a scopo di lucro. Il sito va realizzato applicando tutti i concetti appresi a lezione, dalla realizzazione di una strategia coerente per l’individuazione della piramide delle keyword alla ottimizzazione on page, dalla creazione di una strategia di link building alla implementazione dei dati strutturati e molto altro ancora. L’attività è svolta a squadre ed anche questo è molto utile. Realizzare progetti SEO oggi è sempre più complesso perché richiede un approccio multidisciplinare; è di conseguenza fondamentale imparare a lavorare in team. In merito all’evoluzione della professione di SEO e l’importanza di creare un team SEO vi rimandiamo a questo interessante articolo sulle competenze che un consulente SEO dovrebbe avere.

By |ottobre 6th, 2014|Categories: Formazione, SEO|Tags: , , |Commenti disabilitati su Contest SEO come strumento di formazione

Facebook News Feed: parola d’ordine tempestività!

News Feed: Facebook non si placa e dopo Agosto anche in questo mese di Settembre annuncia l'incombere di nuovi aggiornamenti all'algoritmo che regola la sezione notizie. In particolare Facebook ha annunciato alcune nuove modifiche volte ad assicurare che gli utenti fruiscano dei contenuti per loro più interessanti, praticamente in tempo reale, non appena vengono pubblicati. La parola d'ordine a questo giro è: tempestività! E un matching sempre più spinto tra gusti degli utenti e contenuti postati e resi visibili nel loro News Feed. Lo scopo dell'operazione è mostrare a ciascun utente, nel proprio News Feed, il contenuto giusto al momento giusto e non far perdere di vista contenuti considerati importanti e di interesse per l'utente, mostrandoli sempre in alto nella sua sezione notizie. L'ultimo aggiornamento dell'algoritmo che regola il News Feed pone attenzione a due fattori al fine di determinare quale contenuto, in un dato lasso di tempo, sia più o meno rilevante per uno specifico utente: 1) Facebook e i Trending Topics I post correlati ai temi di tendenza - i cosiddetti trending topics - stando a quel che affermano dai piani alti di Facebook, dovrebbero godere di maggiore visibilità. Gli utenti dovrebbero vedere apparire in alto nel proprio News Feed, i posts di amici o pagine con cui sono connessi, che parlano di argomenti correlati a trending topics. Un modo per far sì che l'utente sappia, in tempo reale, che cosa gli amici o le pagine preferite stanno dicendo riguardo agli argomenti più discussi della giornata. I post correlati ai temi di tendenza dovrebbero godere di maggiore visibilità. 2) ... Dimmi quando, quando, quandooooo... Facebook inizierà a tenere sempre più in considerazione il quando qualcuno mette "mi piace", commenta e, in generale, interagisce

By |settembre 19th, 2014|Categories: Facebook, Social Media Marketing|Tags: , , |Commenti disabilitati su Facebook News Feed: parola d’ordine tempestività!

Click-baiting: novità sull’algoritmo di Facebook

Click-baiting headlines… questo sconosciuto! Sconosciuto almeno fino a ieri, infatti è proprio fresco di ieri l’annuncio da parte di Facebook dell’introduzione di nuovi “miglioramenti” al proprio algoritmo volti a raggiungere due obiettivi: Ridurre il cosìddetto click-baiting headlines, cioè l’uso di titoli un po’ “ingannevoli” nei link condivisi sulle pagine Facebook; Fare in modo che gli utenti di Facebook possano fruire dei contenuti postati nel miglior formato possibile, che per Facebook è quello dell’anteprima. Cosa si intende per click-baiting? Si definisce click-baiting l’azione di chi pubblica in un post un link con un titolo che “invita” gli utenti a cliccarci sopra, senza però dare ulteriori informazioni in merito a quello che andranno a leggere. Avete presente quei post che cominciano tipo: “non potrai mai immaginare che cosa è successo a questi due turisti mentre accarezzavano un alligatore volante della savana! Clicca qua per scoprirlo!” ? Bene, quelli. Esempio di click-baiting headlines Post di questo tipo tendono ad ottenere moltissimi click, quindi a raggiungere le posizioni più in alto nel news feed.

Instaphotoshow 2014: la seconda edizione celebra il cibo

Instaphotoshow 2014 – Pochi giorni fa, precisamente il 9 Giugno u.s., ha preso il via la seconda edizione di “Instaphotoshow 2014”, la sfida fotografica a colpi di hashtag utilizzando Instagram organizzata dall’associazione no-profit S.I.P.S.I. (Società Italiana Professionisti delle Scienze dell’Informazione) in collaborazione con Studio Wasabi  e Cooperativa Linketto di Lucca. Questa seconda edizione di Instaphotoshow, che terminerà il 13 Luglio  p.v., ha come tema il cibo, un “soggetto” che, soprattutto nella cultura e nella tradizione del Belpaese, non si limita ad essere considerato semplicemente mero nutrimento, ma rappresenta certamente uno dei principali elementi di valorizzazione delle tradizioni e della cultura locali.

Putin Censura Internet? Piccoli dittatori crescono.

Censura Internet per paese – Legenda Internet Censorship World Map di Jeffrey Ogden (W163) è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione 4.0 Internazionale. Based on a work at http://commons.wikimedia.org/wiki/File:Internet_Censorship_World_Map.svg. Come si fa ad evitare la censura di governi e affini? Censura Internet .. Censura Internet .. Censura Internet .. sembra il nuovo mantra di molti aspiranti dittatori nel mondo. Recenti avvenimenti di cronaca hanno sempre più evidenziato questa nuova tendenza, Erdogan in Turchia e Putin in Russia sono solo gli ultimi due esempi di questo tipo. Oggi in Russia, a causa della legge sull’antiterrorismo, a rischio sono Gmail, Skype e Facebook. In pratica il governo russo vorrebbe obbligare le compagnie straniere a installare server su territorio russo in modo tale da avere accesso ai dati riservati degli utenti delle succitate compagnie. Qual è il rischio reale? Che le compagnie come Google e Facebook o Skype si rifiutino. Il governo russo potrebbe quindi rendere inaccessibili i loro servizi sul proprio territorio. La situazione sembra così grave che Pavel Durov (lo Zuckerberg russo) è stato licenziato dal ruolo di CEO del social media da lui inventato Vkontakte, in quanto si sarebbe rifiutato di cedere informazioni sui propri utenti ai servizi segreti russi. Lo stesso Durov ha dichiarato: «sfortunatamente il Paese è incompatibile con il business internet al momento».

TripAdvisor: False recensioni saranno la sua fine?

Molte polemiche stanno nascendo nel Bel Paese intorno al più popolare portale di recensioni online TripAdvisor. Qualche giorno fa, nella trasmissione Mix 24, condotta da Giovanni Minoli, si è affrontato il problema in un interessante reportage. Qui al minuto 12 potete riascoltare la trasmissione del nove aprile direttamente dal portale di Radio24 e qui quella del 10 aprile , a partire dal primo minuto. Tutti coloro che si occupano di Brand Reputation comprendono l’importanza di ricevere recensioni su portali come TripAdvisor e tutti coloro che lavorano nel settore del Web Marketing sanno che alcune agenzie (la cui etica professionale è molto discutibile) si sono specializzate nello scrivere false recensioni per promuovere un cliente. La cosa ancora più grave è che, oltre a scrivere false recensioni positive, sia ormai sempre più in uso l’abitudine di scrivere false recensioni negative per denigrare un concorrente.

La portata su Facebook: istruzioni per l’uso

La portata su Facebook Hai notato un calo delle performance della tua pagina Facebook negli ultimi mesi? La tua portata su Facebook si è ridotta ad un piccolo ruscello di montagna? Vorresti che molti più fans visualizzassero i contenuti che pubblichi? Se hai risposto positivamente a queste domande, ciò che ti serve sapere, innanzi tutto, è il concetto feisbucchiano di PORTATA (REACH) ed oggi è il tuo giorno fortunato perché ti trovi nel posto giusto! Leggendo questo articolo, infatti, scoprirai tre cose che ti saranno molto utili nel gestire la tua pagina Facebook:

Blogger, SEO e Youtuber – Le nuove professioni Web

Lo sviluppo di Internet in Italia è stato, come nel resto del mondo, rapido anzi rapidissimo; da questo nuovo canale di comunicazione, dato che il web altro non è che una evoluzione dei mezzi di comunicazione, sono nate molte ed interessanti figure professionali. La velocità con la quale però internet si è sviluppato non ha permesso ai canali istituzionali di formazione (scuole e università) di stare al passo nel creare dei professionisti, ciò ha fatto sì che i professionisti che sono nati siano per lo più degli auto didatta, il che non li rende meno bravi e professionali di un laureato.

Pagina Facebook 18 trucchi

Come migliorare la performance dei post della tua pagina Facebook Quanto sei già frustrato da 1 a 10 a causa del calo di visibilità dei post dovuto al cambio di algoritmo di Facebook? Sei già rassegnato all’idea che l’unico modo per raggiungere il tuo pubblico sia solo ed esclusivamente la pubblicità a pagamento? Niente panico! E soprattutto, prima di infilarti quel cappio al collo, voglio invitarti a riflettere sulle possibili soluzioni che esistono per migliorare la performance dei tuoi post su Facebook. Iniziamo con una premessa: in questo articolo parliamo di pagine Facebook per aziende od attività in generale. Se ancora possiedi un profilo Facebook per la tua attività commerciale ti consiglio di leggere qui prima di proseguire oltre. Ecco qui di seguito alcuni concetti che devi conoscere: